SURREALISMO

IL SURREALISMO

Il surrealismo è un movimento culturale molto diffuso nella cultura del novecento che nasce come evoluzione del Dadaismo. Ha coinvolto tutte le arti visive, anche letteratura e cinema, quest'ultimo nato negli anni venti a Parigi, dove, nel 1925 è stata allestita la prima mostra del movimento.

Esso ebbe come principale teorico il poeta Andrè Breton che canalizzò la vitalità distruttiva del Dadaismo. Breton fu influenzato dalla lettura de L'interpretazione dei sogni di Freud del 1989; dopo averlo letto arrivò alla conclusione che era inaccettabile il fatto che il sogno (e l'inconscio) avesse avuto così poco spazio nella civiltà moderna e pensò quindi di fondare un nuovo movimento artistico e letterario in cui il sogno e l'inconscio avessero un ruolo fondamentale. Nacque così il surrealismo.

Il primo manifesto surrealista del 1924, definì così il surrealismo:

« Automatismo psichico puro, attraverso il quale ci si propone di esprimere, con le parole o la scrittura o in altro modo, il reale funzionamento del pensiero. Comando del pensiero, in assenza di qualsiasi controllo esercitato dalla ragione, al di fuori di ogni preoccupazione estetica e morale. »

Il surrealismo è quindi un automatismo psichico, ovvero quel processo in cui l'inconscio, quella parte di noi che emerge durante i sogni, emerge anche quando siamo svegli e ci permette di associare libere parole, pensieri e immagini senza freni inibitori e scopi preordinati. I surrealisti si avvalevano di diverse tecniche per far in modo di attivare il loro inconscio, una di queste è il cadavre exquisi (cadavere squisito), tecnica basata sulla casualità e sulla coralità, che prevede la collaborazione di più artisti: uno di essi comincia l'operazione tracciando un disegno, una figura, che deve essere ignorata dagli altri, poi il foglio deve essere passato a tutti i partecipanti, uno per uno, i quali a loro volta faranno una figura, e così via. Questa tecnica era utilizzata dai surrealisti anche in ambito poetico, ovvero aggiungendo uno per uno una parola, ignorando lo scopo finale dei singoli. Il nome della tecnica deriva infatti da una poesia surrealista: "Il cadavere squisito berrà il vino nuovo". Altre tecniche fortemente utilizzate dai pittori di questo movimento sono: il frottage (strofinamento), il grattage (grattamento, raschiamento), il collage, l'assemblage e il dripping (Max Ernst è il primo ad utilizzare questa tecnica, resa famosa dopo la seconda guerra mondiale da Jackson Pollock).

Il surrealismo ha tre tematiche principali:

  • amore, inteso come fulcro della vita
  • sogno e follia, considerati i mezzi per superare la razionalità
  • liberazione dell'individuo dalle convenzioni sociali.

SIAMO VUOTI A PERDERE!!

Descrizione immagine

Siamo sospesi tra il cielo e la terra, siamo soli ... a volte in gruppo ... siamo di forma e di colore diverso, con caratteri complicati, alle volte appesi ad una corda per non cadere nel baratro, o semplicemente così leggeri da volare tra le nuvole ... a volte basta una scala per arrivare al vertice a volte la stessa non porta a niente ... ma questo mondo è così brutto come tutti lo dipingono?? O è solo e più semplicemente un singolo punto di vista che può (e deve!) essere cambiato. Dai ragazzi diamoci una svegliata il tempo è finito è ora di cambiare il MONDO, ognuno nel suo piccolo ... vedrete poi come sarà bello ... 


MORTE ANNUNCIATA DELLA CULTURA

Descrizione immagine

Ho dipinto questo quadro, per denunciare, Il malessere dello stato Italiano verso la culura e l'arte ... I Continui tagli, fanno si che i giovani artisti emergenti e quelli affermati debbano migrare all'estero per farsi conoscere.

Nel quadro ho rapprentato un libro che sanguina, segno della cultura ormai allo stremo, Pagine di cultura che volano via, Artisti che prendono il volo verso altri paesi per affermarsi ... E una chiave, che apre la porta della mente per essere aperti verso la cultura ... ma se continuerà in questo modo quelle porte sanguineranno ...

NON E'PIU' TEMPO DI CEMENTIFICARE

Altro quadro di protesta, dedicato al problema della cementificazione esagerata dei nostri tempi ... Il cielo infiammato dal calore ... palazzi sempre più alti ... l'orologio del tempo stà scandendo le ultime ore ... la catena che congiunge il passato col presente stà per spezzarsi ... ma una flebile speranza ... una farfalla che si posa e che forse darà nuova vita ...

Descrizione immagine
Descrizione immagine

FILM

Questo quadro racconta un film ... Ecco noi artisti moderni ah! L'arte moderna, e ci giudicano ci osservano da un misero buco della serratura, senza neanche aprire quella porta, per conoscerci meglio, siamo barche di carta pesta, incagliate in un mare di fango, alla deriva delle loro ipocrisie. Andare dove nessuno ti possa giudicare, sempre più in alto, in paesi dove l'arte è qualcosa di magico, via come mongolfiere portate dal vento. In Italia ormai non si può più stare, troppa corruzione, sprezzanti persino delle manette, io ormai la mia partita l'ho giocata, ma i dadi hanno perso gia da tempo i numeri ... Siamo spremunti come aranci fino all'ultima goccia, fra tasse, giudizi, mobbing e ipocriti ... cosa rimarrà di noi? una scorza vuota ... io questo Film l'ho già visto troppe volte ...

 



TOSSICO

Viviamo in un'epoca dove c'e' una pastiglia per tutto, belle colorate di qualsiasi sapore, forma, e dimensione, ma non ci accorgiamo che sono inutili ... La nostra libertà va conquistata piano piano, un gradino alla volta su una scalinata ripida ed impervia ... non siamo perfetti, e quando si sbaglia rimangono i cocci da raccogliere e ricominciare, e via su per nuovi gradini, più saliamo e più avremmo bisogno di un paracadute, ma forse basterebbe un semplice ombrello per attutire la caduta. I numeri della nostra vita sono tutti lì basta scegliere la chiave giusta, e se non va chiudiamo con un lucchetto e buttiamo la chiave, e si riprova ... MA BASTA INTOSSICARSI!! ... basta annebbiare la mente ... ci vuole lucidità, per scegliere la strada giusta ... 

Descrizione immagine
Descrizione immagine

OLTRE IL DESTINO

Ci risvegliamo in una vita non nostra, dal passato strano, come abbiamo fatto ad arrivare così in basso, quali gli errori, ripercorrendo le tappe della nostra vita ... Rovi maledetti, difficoltà nella vita ... Lampade spende dovute a idiee malsane ed errori nella vita ... sei solo, si veramente solo  ... lì in mezzo alla scacchiera in cui stai giocando una partita per la tua sopravvivenza ... poche persone sanno come sei fatti e li vedi come pedoni che seguono il tuo istinto ... ogni volta che fai una scelta sbagliata (lampada rotta) cadi e ti rialzi ... perchè tu sei OLTRE IL TUO DESTINO ...  tu sei meglio di così ... traccia la tua strada ...